Menu principale:

STEMMARIO NOBILIARE CALABRESE


Lo Stemmario Nobiliare Calabrese è l'unico, repertorio nobiliare regionale, biennale, registrato presso il tribunale di Catanzaro. La pubblicazione fondata dai baroni Gallelli di Badolato, e diretta dal noto storico Antonio Gesualdo, è unica nel suo genere, ed è amministrata dal Consiglio Direttivo del Club Calabrese per la caccia alla volpe simulata, della tenuta di Pietra Nera, attraverso il “Fondo Finanziario per le materie araldiche.” Lo scopo dell'opera è quello di censire d'ufficio (e non su richiesta degli interessati), in un unico volume solo gli stemmi delle famiglie calabresi più illustri, che presenti nell'Annuario della Nobiltà Italiana, e nel Libro d'Oro della Nobiltà Italiana della Consulta Araldica del Regno d'Italia, sono inoltre uniformi al rigoroso criterio nobiliare applicato dal Comitato Scentifico dell'opera, costituito dal Consiglio Araldico.  Il detto Consiglio è composto dai soli Soci-Collaboratori del settore Araldico del Club, scelti tra maggiori ricercatori, araldisti, storici, e noti studiosi di diritto nobiliare, alcuni dei quali appartenenti al Sovrano Militare Ordine di Malta del Gran Priorato di Roma. La segretezza del Consiglio è necessaria per evitare qualsiasi pressione o influenza esterna, che possa rallentarne le funzioni. Il Consiglio Araldico per il censimento nobiliare regionale, applica il criterio della Decade, (dal quale l'opera prende il nome.) La Decade è una selettiva regola, scaturita da minuziosi approfondimenti storioco-sociali d'archivio, che si articola in dieci punti fondamentali, appositamente studiati per individuare i blasoni delle famiglie regionali viventi ed estinte più importanti, cioè quelle distintesi per avere la maggioranza delle seguenti caratteristiche:

a-Casati calabresi attualmente presenti nell'Annuario della Nobiltà Italiana edizioni S.A.G.I. e nel Libro d'Oro della Consulta Araldica del Regno d'Italia.
b-Casati calabresi che ebbero un elevato censo.
c-Casati calabresi che ebbero un elevato numero di titoli nobiliari.
d-Casati calabresi che ebbero un elevato numero di feudi.
e-Casati calabresi che ebbero un considerevole numero di possedimenti terrieri.
f-Casati calabresi dalle illustri parentele nobiliari.
g-Casati calabresi che storicamente influenzarono politicamente ed economicamente la regione.
h-Casati calabresi ricevuti in prestigiosi ordini cavallereschi.
i-Casati calabresi i cui antenati ricoprirono importanti incarichi pubblici, politici, militari, ed ecclesiaistici.
l-Casati calabresi che furono proprietari di prestigiose e rilevanti residenze.

Gli stemmi delle famiglie sono infine ricevuti all'interno dell'opera, solo dopo l'insindacabile verdetto del “Consiglio Araldico”, che riunitosi in seduta comune, ne sancisce l'ingresso a maggioranza dei voti. Perciò i blasoni dei casat i ivi ammessi, sono il risultato di una scupolosa analisi storico-sociale nel panorama aristocratico regionale.  Queste casate vengono quindi ricevute nella pubblicazione con le così dette “Prove Nobiliari Rilevanti” da parte del “Consiglio Araldico”, che ne motiva l'ingresso col documento denominato “Certificato di Nobiltà Calabrese Illustre.” (pergamena di cm 50x70.) Il detto documento che è in pratica un riconoscimento di rilevante nobiltà regionale, rilasciato dal Club Calabrese per la caccia alla volpe simulata a cavallo, accerta esclusivamente i titoli nobiliari, i blasoni, le parentele, e le dimore delle più illustri e preincipali famiglie aristocratiche calabresi. Elegantemente rilegato con una copertina gialla dai bordi rossi, al suo interno l'opera riporta gli stemmi delle casate calabresi più importanti, disposti alla fine del testo. Contrariamente all'inevitabile destino dei repertori nobiliari non periodici, quindi non più reperibili su mercato dopo qualche tempo, tutte le varie edizioni di questo volume, saranno invece conservate di volta in volta presso il grande Archivio Araldico del Club, costituendo perciò una pubblicazione sempre aggiornata e disponibile, poichè su richiesta ristampabile.  Lo Stemmario Nobiliare Calabrese, è inoltre parzialmente consultabile anche su internet, attraverso l'apposito elenco alfabetico. Basta infatti cliccare sull' iniziale del casato interessato, per avere visione del blasone, e brevi informazioni storiche. Attenzione però, la versione on-line del presente repertorio nobiliare, riporta solo un breve cenno storico relativo alle famiglie, che è invece interamente presente solo nella versione cartacea della medesima opera.  Per acquisti o informazioni, potete scrivere alla segreteria del Club Calabrese per la caccia alla volpe simulata, della tenuta di Pietra Nera, contrada Pietra Nera n.2 88060 Badolato CZ.

Oppure telefonare ai seguenti numeri:
-Segretaria..........................................................Tel.0967-814053
-SEGRETARIO PART. ALLE RELAZ. ESTERNE DOTT. ALESSANDRO CORDELLI cell. 345-2857616
-SEGRETARIO GENERALE BRUNO ZOCCALI cell.331-389943

IL PORTAVOCE
Dott. Alessandro Cordelli. 



L'Archivio equestre -nobiliare del Club

L'Archivio del Club é costituito da circa 8.000 volumi, dei quali circa 3.000 riguardano testi d'equitazione e scenza della tecnica equestre, circa 5.000 sono invece attinenti a materie storiche, e ordini cavallereschi, oltre a volumi araldici- genealogici nazionali e internazionali, nonché testi specifici sulla storia delle casate Calabresi.




noleggio lungo termine noleggio lungo termine www.panificiopilato.it www.sistemic.it bed and breakfast soverato la villa

Webmaster : www.sistemic.it Advertising by www.golink.it
www.sistemic.itwww.panificiopilato.itwww.panificiopilato.it