Menu principale:

The watch uses a 40 mm stainless swiss replica watches steel case, a dark blue dial, a watch with fake watches a luminous coating, and a scale mark for quick reading in any environment. Inside the replica watches case is a magnetically shielded soft case equipped with a 30110 automatic movement that provides 42 hours of uk replica watches power reserve.
FORUM ARALDICO.
Il Forum araldico è un servizio messo a disposizione dal Club, a tutti coloro che volessero avere informazioni su elementi di storia, araldica, genealogia nobiliare, e ordini cavallereschi. Grazie infatti alla creazione del Fondo Finanziario per le "materie araldiche", istituito dal Circolo con votazione degli aventi diritto del Consiglio Direttivo in data 16.01.2006 e con successiva deliberazione in data 17.01.2006 la società ha così costituito presso la Sede Rappresentativa, un grande Archivio Araldico in continua espansione, al cui interno si trovano numerosi e rari volumi storici e moderni di araldica, genealogia, ordini cavallereschi, nonchè vari repertori nobiliari nazionali ed internazionali. Il Club a tal proposito è determinato al continuo acquisto di pubblicazioni del settore, per aumentare in modo esponenziale la conoscenza delle materie trattate, e quindi le potenzialità del presente Forum. Per avere perciò informazioni su elementi di storia, araldica, genealogia nobiliare, e ordini cavallereschi, basta semplicemente scrivere una E-mail alla segreteria: cacciaallavolpe@tiscali.it

IL PORTAVOCE
Dott. Alessandro Cordelli.

  |<<    <<<  |  1  |  2  |  3  |  ((4))  |  5  |  6  |  7  |  8  |  9  |  10  |  >>>    >>| 


28.12.2007
Giorno, scrivo per rispondere a Luis. Il delegato Gran Priorale, e’ una carica influente all’interno dell’ordine di Malta. Il delegato e’ infatti il rappresentante dell’ordine, ed e’ in pratica la persona che su richiesta degli aspiranti cavalieri nello S.M.O.M. si occupa quindi dietro pagamento, di istruire, vagliare, seguire, e presentare all’interno dell’ordine le pratiche nobiliari. Inoltre l’avv. Umberto Ferrari ha un riconoscimento nobiliare del C.N.I. ed e’ anche nella commissione araldica giudicante del C.N.I. Cordialita’ Luigi.



29.12.2007
Salve, mi chiamo Mario da Palermo, ringrazio questo club per la possibiltà di questo forum. Volevo dire che percio’ che riguarda i riconoscimenti nobiliari, e la commissione araldica del C.N.I. ovvero (Corpo della nobilta’ Italiana,) bisogna specificare che questa e’ destituita giuridicamente di qualsiasi importanza nobiliare. Infatti come tutti sanno il C.N.I. e’ un associazione privata, fondata da alcuni nobili Italiani attorno al 1958, per l’accertamento e la salvaguardia del patrimonio nobiliare delle famiglie Italiane. Benche’ l’iniziativa fosse piaciuta a S.A.R. Umberto II, che ne appoggio’ la fondazione, quando era ormai gia’ in esilio, con la morte del sovrano pero’ il C.N.I. perse ogni Regio assenso, ed essendo quindi il nostro paese una Repubblica, in base all’articolo 3 della vigente costituzione, il C.N.I. per legge, non poteva e non puo’ rimanere cosa diversa da un associazione privata, infatti per sua stessa ammissione si autodefinisce, libera associazione di privati cittadini, retta da privati, che si impone il fine di accertare la nobilta’ delle famiglie che intendano entrarvi, art 1.atto costitutivo-1958. Da un punto di vista giuridico quindi, con l’attuale forma di stato Repubblicana, il C.N.I. e’ soggetto alla stessa identica legislazione che regolamenta le associazioni, i club, i circoli, e le societa’ private, avendo invece lo stato tenuto per se la regolamentazione attinente all’araldica civica, quella cioe’ che riguarda le insegne dei comuni. Il C.N.I. non gode quindi della stessa ufficialita’, poiche’ inevitabilmente organizzazione privata, non riconosciuta dallo stato Italiano, per le questioni araldiche . La differenza con la Consulta araldica del Regno e’ quindi grande, la prima era un organo ufficiale dello stato, mentre il C.N.I. e’ invece un organo privato, retto da liberi cittadini, quindi non ufficiale dello stato, e percio’ soggetto alla normativa che regolamenta le associazioni, le societa’, e i club privati, quindi giuridicamente parificata a questo club di caccia alla volpe. Non si comprende perche’ certe famiglie storiche, ambiscono ad avere un riconoscimento nobiliare da parte di questo ente privato? Certamente questo barone di Pantane, come tante altre famiglie, ha un riconoscimento nobiliare di un organo privato, a sua volta non riconosciuto dallo stato Italiano. Cordiali saluti.  


30.12.2008
Ma questo Pantane, baronia dei Ferrari che paese e’, dove si trova? Non l’ho mai sentito nominare, e’ un borgo medioevale? Grazie Silvio.



02.01.2008
Le Pantane e’ un piccolo territorio di pochi ettari in montagna, precisamente in Sila, frazione di Taverna, a nord del villaggio Recise. Ho cercato cenni storici sul posto, ma non ho trovato nulla sulle guide Calabresi. Visto il nome, forse anticamente si doveva trattare di una zona paludosa, impervia, che rientrava nella giurisdizione territoriale di Catanzaro. Certo e’ che alle Pantane, non esiste alcuna rocca, o borgo medioevale, doveva percio’ trattarsi di una zona disabitata, e non strategicamente importante, dato che non vi erano insediamenti o fortificazioni per la popolazione. Saluti Army.



06.01.2007
Ma questi Ferrari delle Pantane, non sono i medesimi che posseggono un castello in provincia di Catanzaro? Saluti Saverio.



08.01.2007
Non credo che Saverio si riferisca agli stessi Ferrari, questa famiglia infatti non ha mai posseduto castelli.
Essendo un cognome non raro, certamente Saverio si confonde con altri Ferrari.
A presto LUIS.



10.01.2008
Giorno, mi chiamo Sara.
Vi scrivo perchè vorrei sapere da qualcuno, a proposito di cognomi diffusi, se quando un cognome è molto comune, è più difficile o facile dimostrare la propria discendenza, attraverso ricerche?
Grazie Sara.



12.01.2008
Per quello che riguarda la domanda di Sara, la risposta sui cognomi diffusi, e si!
Si può infatti erroneamente incappare in altre persone che portano lo stesso cognome, e quindi agganciarsi ad una discendenza non propria.
Saluti da Demo!  


15.01.2008

Salve, sapreste fornirmi ulteriori informazioni sulla famiglia Sacchi o Sacco di Amantea.
Mia nonna discende da questa antica famiglia.
Grazie


19.01.2008
Gentile signore il Casato Sacchi di antica nobiltà, risulta iscritta tra le famiglie feudali Calabresi, e tra quelle patrizie di Amantea.
Tra gli ultimi discendenti anche Giulio Sacchi, vivente nel 1914.
Le fonti non sono molte, la famiglia oltre che nell’elenco nobiliare Italiano del 1922, è anche menzionata nell’Annuario della nobiltà Italiana edizioni 2006, e nel libro d’oro della nobiltà Italiana, edizione 2005-2010.



  |<<    <<<  |  1  |  2  |  3  |  ((4))  |  5  |  6  |  7  |  8  |  9  |  10  |  >>>    >>| 
replica rolex datejust watches
replica Audemars Piguet Royal Oak watches
Prada Calfskin Leather Top Handle Bag
replica Hermes Kelly bags
replica Hermes Birkin bags
luxury replica hermes kelly bags
replica Breitling Navitimer watches
replica Omega Speedmaster watches
replica rolex daydate watches
replica Rolex submariner watches
replica rolex explorer watches
replica Omega constellation watches
replica rolex milgauss watches
rolex replica watches
replica Tag Heuer Formula 1 watches
replica rolex datejust watches
replica Omega Constellation watches
swiss replica rolex submariner watches
replica Rolex Cosmograph Daytona watches
replica Prada Messenger bags
designer replica Celine handbags
replica Prada Saffiano Stampato Crossbody Bag
replica Celine Mini 26cm Small Tote Bag
replica Hermes Evelyn bag
replica Prada Shoulder handbag


noleggio lungo termine noleggio lungo termine www.panificiopilato.it www.sistemic.it bed and breakfast soverato la villa

Webmaster : www.sistemic.it Advertising by www.golink.it
www.sistemic.itwww.panificiopilato.itwww.panificiopilato.it